La bambina che andava a pile.pdf

La bambina che andava a pile

Monica Taini

Un albo illustrato delicato e coraggioso che racconta cosa significa crescere e ricercare la propria identità dal punto di vista di una bambina non udente. Monic ha due voci: la sua bocca e le sue mani, ma non sa decidersi su quale sia la più forte. Monic si sente come se tutta la sua giornata fosse una lunga ora di lingua straniera e non sa se sia lei ad essere diversa, o se lo siano gli altri. Per il freddo linguaggio legislativo lei è una disabile, una minorata sensoriale, ma per i suoi amici è semplicemente Monic.

Il Besozzi aveva udito le grida: e sapeva che la bambina era sola: perché verso le ... li contava e li consegnava uno dopo l'altro all'acquaio rigurgitante di pile di ... e con tutte le grane che la questura andava dietro a pianta... Per Natale la mia bambina ha ricevuto questo carrello per muovere i primi passi. ... cominciato a caminare mi faceva paura che non aveva freni e andava in avanti tropo veloce per poi cadere a terra . ... Funziona con 3 pile AAA 1,5 V (inc...

8.51 MB Dimensione del file
9788896918616 ISBN
Gratis PREZZO
La bambina che andava a pile.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.clubajedrezcalasanz.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Lei andrà matta per le fantasie che LOSAN ti propone e tu sarai tranquilla perché il suo riposo è assicurato. Innamorati della nostra completa collezione di pigiami per bambina, capi eccellenti che ti assicurano qualità e disegno in parti uguali. Cappelli da bambina C&A: impossibile levarseli dalla testa. D'estate o d'inverno, i cappelli da bambina sono indispensabili per offrire la giusta protezione alla tua piccola: se nei mesi più caldi i copricapi le fanno ombra, salvaguardandola dai raggi UV, quando le temperature si abbassano basta una cuffia dalle elevate prestazioni termiche per garantirle il giusto tepore e isolarla dal ...

avatar
Mattio Mazio

La bambina che andava a pile di Monica Taini La lingua dei segni nelle disabilità comunicative di Chiara Branchini e Anna Cardinaletti Elogio della fragilità di Don Claudio Campa e Silvia Lova Io, figlio di mio figlio di Gianluca Nicoletti Sofia Cavalletti, strumento tra i bambini e Dio di Anna Aluffi Pentini La Forma della Voce di Naoko Yamada la bambina che andava a pile. 13.50 €. autore: taini taini

avatar
Noels Schulzzi

La bambina che andava a pile è un libro di Monica Taini pubblicato da Uovonero nella collana I geodi: acquista su IBS a 13.50€! IBS.it, da 21 anni la tua libreria online Confezione regalo La bambina che andava a pile. di Monica Taini. Un albo illustrato delicato e coraggioso che racconta cosa significa crescere e ricercare la propria identità dal punto di vista di una bambina sorda. Monic ha due voci: la sua bocca e le sue mani, ma non sa decidersi su quale sia la più forte.

avatar
Jason Statham

La bambina che andava a pile Torna indietro. 0-5. Anni. La bambina che andava a pile . Di Monica Taini . Per Monìc comunicare non è come per gli altri: è nata sorda e vive in un mondo silenzioso, che solo grazie alla protesi acustica e alle batterie ...

avatar
Jessica Kolhmann

Recensione di La bambina che andava a pile su Ombre e luci Ombre e luci - Luglio 2018  La bambina è Monic, le pile quelle che alimentano le sue protesi acustiche: una giovane donna sorda si racconta, disegnandosi bambina e trasmettendo con poche parole ed … Monìc altri non è che Monica Taini, l’autrice di La bambina che andava a pile. Le pile sono quelle dell’impianto acustico cocleare, che la stessa Monica utilizza da quando aveva dieci anni, dopo che le fu diagnosticata una sordità profonda.